Main »

Report Ale 2006

Università dell'insubria - Dicom

Attach:Main.Site.SideBar/va-xpug.png Δ Attach:Site.SideBar/milano-xpug.png Δ Attach:Site.SideBar/agilmente_logo.png Δ Attach:Site.SideBar/sourcesense.png Δ


(editing)

edit SideBar

La prima cosa più importante imparata all'Essap è che gli organizzatori hanno lavorato con noi come se fossimo in un vero team XP. E' stato molto positivo per me vedere che gli "errori" commessi erano individuati, comunicati allo StandUp? meeting, e corretti prima possibile (cioè subito). Vedere nella pratica che "errore comunicato" si equivale quasi a "problema risolto". Anzi è visto come possibilità di crescita, come opportunità.

La qualità degli insegnamenti mi ha soddisfatto in pieno. Soprattutto il modo interattivo della parte teorica e la messa subito in pratica della teoria hanno contribuito ad affermare i concetti appena imparati.

Annotare gli argomenti che venivano fuori dai partecipanti per poi ritrattarli in un momento successivo ci ha aiutati a concentrarci su un solo tema e ci ha dato la possibilità, l' ultimo giorno, di poter discutere sui temi ritenuti più importanti (come l' utilizzo di UML).

Ho dovuto cambiare coppia più volte per motivi organizzativi (la persona con cui avevo fatto coppia il giorno precedente non c' era o non c' era il pc), quindi si potrebbe pensare che questo sia stato un punto negativo. Invece, soprattutto per me che non conoscevo Java, il fatto di cambiare in continuazione il pair mi ha permesso di scrivere del codice in pochissimo tempo (è chiaro che chi era in coppia con me doveva conoscere abbastanza bene Java). Quindi credo che il valore aggiunto del pair programing, con lo scambio ripetuto delle coppie, no sia solo l' avere una conoscenza collettiva del codice, ma anche di portare in su le conoscenze di tutto il gruppo. E' vero che le persone che lavorano con una coppia che ha meno competenze devono inizialmente andare un po' più lentamente, ma credo che anche lui impara e riafferma conoscenze. Non siete d' accordo?

Il planning game a mo' di gioco è stato stimolante, divertente e ha aiutato al affiatamento del team. Infine abbiamo imparato a fare il plannig game grazie anche agli errori commessi nelle prime interazioni. Il più vicino alla realtà possibile.

Dovrei dire le cose negative, ma in XP le cose negative sono individuate e sistemate prima possibile. I problemi e gli errori non si tengono nascosti, non fanno paura ne fanno fare brutta figura, e così si sono comportati gli organizzatori. Sono cose legate a l' inesperienza, ma vedendo come sono state portate avanti le cose credo che la prossima sarà ancora più bella.

Per ultimo ringraziare tutti coloro che hanno donato il proprio tempo (come prendere le vacanze o un giorno libero per collaborare allo svolgimento della scuola), a l' Università che ha messo a disposizione docenti e struttura e ai compagni di corso che hanno condiviso la propria esperienza. Grazie!


Page last modified on April 21, 2008

Edit - History - Print - Recent Changes (All) - Search